DETTAGLI DIMENTICATI?

Vasilij Fomiciov

Vasilij Ivanovic Fomicjov nacque il 13 gennaio 1908 a San Pietroburgo. Frequentava ancora la scuola secondaria quando iniziò ad inserirsi nelle attività del Komsomol e del comitato studentesco per la pubblicazione di manifesti e riviste redatte dagli studenti, facendo contemporaneamente parte di un’associazione di giovani giornalisti. Fu questo il primo passo verso la sua futura attività di vignettista che ebbe consacrazione ufficiale quando il giornale della gioventù locale “Na Smenu” iniziò a pubblicare le sue tavole. Terminata la scuola nel 1925, Fomicjov entrò a tempo pieno nell’organico dello stesso giornale.

A poco a poco la sua fama di artista satirico crebbe: l’immediata comprensibilità del suo tratto e la popolarità della sua satira rivolta contro il demone dell’imperialismo capitalista avevano facile presa sul pubblico dei lettori. Nel 1936 venne invitato a Mosca per prender servizio presso la “Komsomolskaja Pravda”. I suoi disegni portarono un’ondata di freschezza, ma nel 1938, dopo una serie di incomprensioni politiche con la direzione, passò al lavorare per un’altra testata:”Moskowkij Bolshevik”. Durante la guerra Fomicjov svolse un’intensa attività artistica producendo opere grafiche di supporto all’attività bellica; nel 1945 venne accolto come membro dell’associazione degli artisti e dal 1952 divenne responsabile artistico della “Pravda”.

La sua satira sarà fino alla fine della sua attività caratterizzata da una profonda aderenza all’ortodossia politica andando a colpire le mire imperialiste delle nazioni avversarie e cercando di promuovere la pace e l’amicizia tra i popoli; in tal senso vanno interpretate le assidue partecipazioni di Fomicjov alle mostre internazionali dedicate al tema della satira nella lotta per la pace, in cui ricevette numerose onorificenze. Nel frattempo Fomicjov fece anche parte del Leninskij Komsomol e all’età di settantacinque anni il comitato centrale del Velikij Komsomol gli conferì il titolo di “Illustre Membro del Komsomol”. Fu anche insignito della Laurea honoris causa dell’Unione degli Artisti dell’Urss come riconoscimento della lunga e fervida attività svolta all’interno dell’organizzazione. Vasilij Fomicjov partecipò a numerosissime esposizioni pubbliche. La prima personale venne organizzata nel 1958 a Mosca; nel 1962 venne predisposta un’altra personale itinerante nelle località di frontiera cui ne seguirono altre nel 1966, 1968, 1971, 1973, 1983 e nel 1985. Vinse anche moltissimi premi tra cui, numerose volte, i prestigiosi “Gramota” e “Potchetnaja Gramota”.

In trent’anni di attività, oltre alle vignette, realizzò oltre trecento manifesti sempre mordaci e attenti alla realtà del suo paese, come gli ultimi dedicati alla Perestroijka e alle profonde trasformazioni da essa provocate alla realtà sovietica.

TORNA SU