MIRELLA GUASTI

Provenendo da studi classici e linguistici, solo più tardi recupera la naturale propensione per l’arte. Inizia con la ceramica prendendo così confidenza con la creta; ben presto però si rende conto che il lavoro minuzioso di incisione e di pittura non la soddisfa ed è invece istintivamente portata ad applicare ai manufatti decorazioni in rilievo, cosa che suscita in chi la segue l’esortazione a dedicarsi alla scultura. Allora frequenta corsi di disegno di nudo, finalizzati sempre alla realizzazione di sculture in creta e dopo anni e anni di pressioni da parte di estimatori, amici, collezionisti verso la fine del 2004 produce i primi bronzi.
Nel 2005 viene inserita nel volume «Novecento. Pittura e scultura» per la mostra di Galleria d’Arte Cinquantasei a cura di Rossana Bossaglia. Da quel momento lavora in esclusiva per la Galleria che la fa conoscere al grande pubblico con una serie di mostre personali e collettive, e organizza sempre piccole personali della scultrice nel proprio stand in tutte le principali manifestazioni fieristiche nazionali.
La prima mostra antologica 1978-2006 è presso la Galleria Cinquantasei di Bologna e sempre nel 2006 viene scelto Il grande gruppo scultoreo in bronzo patinato “…e fra di loro il vento” per l’esposizione permanente all’ingresso del Palazzo delle Professioni di Mestre.
Tra il 2007 e il 2010 si susseguono diverse mostre antologiche e personali in giro per l’Italia e una sua opera viene scelta per il Museo di Arte Contemporanea Costantino Barbella di Chieti.
Il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza le dedica una sala da settembre a novembre 2010 nell’ambito di una mostra con sei scultori contemporanei.
Sei opere di grande formato vengono esposte da maggio 2010 nella piazzetta di Via IV Novembre (Piazza Maggiore) in centro a Bologna con il Patrocinio di Comune di Bologna, Ascom, Federalberghi e Bologna Welcome. Per il grande successo l’esposizione è poi prolungata fino a dicembre 2013 e grazie a questo diverse opere sono state acquistate per importanti collezioni in Francia, Spagna, Inghilterra, Norvegia, Romania, Giappone, Canada e Stati Uniti. Nel 2011 l’opera Tourbillon viene scelta per il Padiglione Italia in occasione della 54ª Esposizione Internazionale d’Arte - Biennale di Venezia nel 150º dell’Unità d’Italia, a cura di Vittorio Sgarbi.
Sei sculture di Mirella vengono esposte in Piazza G. Vico a Chieti nel 2013 per la mostra “Mirella Guasti.
Galleria Yesterday di Gallarate organizza la mostra collettiva “Racconti di donne, terre e fiori” con numerose sculture di Mirella, da novembre 2014 fino a gennaio 2015. Sempre nello stesso anno, dall’11 luglio al 27 settembre opere di Mirella Guasti sono state esposte in vari punti della città di Capri. Il 2018 si apre con una personale al Museo Stadio di Domiziano in Piazza Navona a Roma. La mostra durerà per tre mesi. Durante l’estate la personale viene spostata a Villa Trissino Rossi Vicenza per due mesi.Dal 2016 grazie alla collaborazione tra Galleria Cinquantasei e una galleria di Taipei annualmente vengono esposte sculture di Mirella ad Art Revolution, importante fiera d’arte di Taiwan.